Menu
Escort services
Worldwide overview adult workers
Red light district workers
Erotic models

THE STRINGPOINT GROUP

Fighe calve

Era giovedì 26 luglio. Avevamo appena superato il nostro esame quella sera a Heerenveen, una grande festa. Poiché non vivo molto vicino alla scuola, normalmente vado a scuola in bicicletta per 18 chilometri ogni giorno, passerei la notte con Suzanne, un'amica che vive a Heerenveen. Suzanne ed io siamo gli unici della nostra classe a frequentare il MEAO dopo le vacanze estive. Ma poi non si trovava da nessuna parte.

La sera presto aveva incontrato Bas, un ragazzo che amava da quasi un anno. Di conseguenza, poiché non avevo le chiavi di casa sua, ero completamente lasciato a me stesso. E così ci sono stato, all'una del mattino, fuori nel cortile della scuola sotto la pioggia battente. Il pianto mi era più vicino delle risate. All'improvviso ho sentito qualcuno dire alle mie spalle: "Ciao Madelon, avevi così caldo che sei rimasto fuori a rinfrescarti?" Era la signora Van      Fuori, il mio insegnante di studi sociali. “No, se solo lo fosse. Avrei dovuto restare con un'amica stasera, ma non si vede da nessuna parte. Questa è una bella merda. E tornare a casa a piedi adesso, con questa pioggia, non è davvero andare da nessuna parte ”. Nel frattempo ho iniziato ad avere abbastanza freddo, perché non avevo più filo secco sul mio corpo. Era stata una giornata meravigliosa e non avevo molti vestiti addosso. Solo jeans bianchi, una maglietta bianca e scarpe da barca. "Con chi andresti a letto?" chiese la signora Van Buiten, che nel frattempo si stava anche bagnando abbastanza per la pioggia. La mia risposta è stata "Suzanne's". "Penso che sia partito un'ora fa con un gruppo di ragazzi e ragazze", ha detto la signora van Buiten. Cazzo, mi è mancato completamente.  

Avevo parlato con alcune delle ragazze nel corridoio e da lì non riuscivo a vedere l'uscita, comprese chi se n'era andata. «Suzanne ti stava cercando, ma non è riuscita a trovarti. Non puoi prendere l'autobus per tornare a casa, o forse un taxi? " "Ebbene, l'autobus non parte dopo mezzogiorno, e da povero studente non ho i soldi per un taxi". La signora Van Buiten sembrava avere dei dubbi su qualcosa. All'improvviso disse: “Sai cosa Madelon, vieni a casa con me, poi puoi riscaldarti e mettere qualcosa di asciutto. Se rimani qui ti prenderai un raffreddore. Prenderò la mia bici, poi dovrai solo pedalare con me ”. Anche se non stavo davvero aspettando questo, qualsiasi cosa era meglio che stare fuori sotto la pioggia. Dentro di me maledissi Suzanne. Come avrebbe potuto andarsene senza preoccuparsi di me? La signora Van Buiten è arrivata in bicicletta e io sono saltato in sella. "E 'solo una breve distanza", ha detto, "e ne sono contenta anche adesso, perché accidenti, anch'io mi gelo adesso". Circa dieci minuti dopo siamo arrivati ​​al suo appartamento. La sua casa faceva parte di un vecchio magazzino che era stato completamente distrutto. Non c'erano muri nella sua casa, ma posizionando strategicamente alcuni armadi e piante, erano stati creati alcuni spazi leggermente separati, come una cucina, un bagno e una camera da letto.      

Tutto ciò non mi importava davvero in quel momento. Per fortuna era bello e caldo. Eravamo entrambi bagnati fradici. “Ragazza, sei ghiacciata e gelida. Togliti i vestiti, li metto nell'asciugatrice e poi puoi fare il bagno o la doccia ”. All'improvviso mi sono sentito un po 'imbarazzato. Ero lì, a casa del mio insegnante, e poi avrei dovuto stare nudo? E perché mancavano i muri, senza alcuna privacy? La signora Van Buiten ha notato il mio imbarazzo. “Ah Madelon, non sei una puritana, vero? Anch'io faccio la doccia! " E senza aspettare la mia risposta, si spogliò, si tenne il reggiseno e le mutande e si diresse verso il bagno. "Cosa preferiresti fare, fare una doccia o un bagno?" ha chiamato dal bagno. Ho superato la mia trepidazione e l'ho seguita in bagno, perché ormai avevo talmente freddo che un bagno o una doccia sembrava molto allettante. «Preferisco fare un bagno, signora Van Buiten.» Aveva già aperto il rubinetto della vasca e si era voltata. "Chiamatemi Lisa, ora che sono così mezza nuda davanti a voi, signora suona molto strano". Adesso era proprio di fronte a me. Non so quanti anni abbia effettivamente, ma ho stimato che abbia circa 45 anni. Aveva una bella figura con seni pesanti , un ventre piatto e capelli castani leggermente sopra le spalle ed era ben abbronzata dal sole. Si tolse il reggiseno e abbassò il perizoma nero. Eccomi lì, nel bagno della mia insegnante, che era in piedi nudo di fronte a me. Con mia grande sorpresa, ho visto che la signora Van Buiten, Lisa, si era rasata la figa. E, con mia sorpresa ancora maggiore, ho pensato che fosse bellissimo. In effetti, un senso di lieve eccitazione si è impadronito di me. Ho lottato per staccare gli occhi da esso, qualcosa che Lisa ha notato. 

Ora non ho molta esperienza con il sesso. Avevo degli amici, ma non è mai andato molto oltre il sentirsi insieme. A 18 anni ho anche molto tempo. Non sono mai stato esposto a qualcun altro, a parte fare la doccia dopo la palestra, ovviamente. Figuriamoci mai, in un modo come adesso, guardava davvero un'altra ragazza o donna. Ho deciso di smettere di procrastinare e mi sono tolto prima le scarpe, poi la maglietta, poi i pantaloni. Ho faticato un po 'con questo, perché la pioggia ha reso i miei pantaloni bagnati fradici e mi sono attaccati alle gambe. "Non funziona?" Chiese Lisa divertita. “Andiamo, ti aiuto io. Basta sedersi ”. Con il suo aiuto sono riuscito a togliermi i pantaloni, ma le mie mutandine sono venute subito. Ho visto Lisa guardarmi furtivamente nell'inguine. Beh, anch'io sono bionda e non molto pelosa, quindi potrebbe vedere un po 'tra i miei peli pubici attraverso le mie labbra. Il fatto che Lisa mi guardasse tra le gambe mi eccitò un po '. "Girati e ti aiuto con il reggiseno" ha detto Lisa. Eravamo lì, completamente nudi. "Hai una bella figura". Ho 1 metro e 70, peso 54 chili e sono molto soddisfatto del mio seno, taglia 75C. Non eccessivamente grande, ma giusto. "Farò un bagno". "Va bene, allora mi faccio una doccia". Mentre ero nella vasca da bagno e Lisa era sotto la doccia non riuscivo a staccare gli occhi dalla sua figa pelata. Ho pensato che fosse bellissimo. Anche Lisa se ne accorse. "Non hai mai visto una figa rasata prima?" Ho dovuto ammettere che era così. “È una bella sensazione non avere peli lì. Morbido. E penso che sia carino ”. Ho detto che lo pensavo anch'io. Con mia grande sorpresa mi sono sentito dire "Penso che sarebbe bello essere rasato". Mi sono davvero sentito dire questo? Lisa ha risposto immediatamente. «Be ', Madelon, puoi. Vuoi farlo da solo, lascia che ti dica come o devo farlo per te? " Il pensiero di Lisa che mi toccava la figa all'improvviso mi eccitava terribilmente. 

"Ti piacerebbe farlo?" Senza asciugarsi, Lisa uscì dalla doccia e raccolse un grande asciugamano. Lo mise sulla zona piastrellata vicino alla vasca da bagno. "Se esci dalla vasca e ti siedi su quell'asciugamano, posso raggiungerlo facilmente". Ha allungato la mano per aiutarmi a uscire dal bagno. Quando sono uscito dalla vasca il suo avambraccio mi ha sfiorato leggermente il seno. Ho subito sentito una leggera sensazione allo stomaco. “Non devi asciugarti, devi solo asciugarti la figa, altrimenti non posso tagliarti i capelli. Prima devo farlo, poi uso un rasoio ”. Mi sono seduto sull'asciugamano, ancora fradicio. Di fronte a me c'era uno specchio, così potevo guardarmi bene. Tutta la mia pelle era ancora umida e nello specchio potevo vedere che i miei capezzoli erano abbastanza gonfi. Lisa è tornata con forbici, crema da barba e un rasoio. “Puoi allargare leggermente le gambe? Poi posso sedermi tra le tue gambe ”. Ho diviso le gambe e Lisa si è seduta tra le mie gambe, le gambe accavallate. Questo mi ha dato una visuale libera dei suoi seni pesanti e della sua figa calva. Nel frattempo sentivo un sacco di cose che mi volavano nello stomaco e mi sembrava che la mia figa fosse spalancata. Lisa mi ha asciugato la figa un po 'meglio con l'asciugamano. Il tocco dell'asciugamano con la mia figa mi ha fatto rabbrividire. "Che c'è, hai ancora freddo?" Con una voce un po 'rauca, ho negato. Lisa ha iniziato a tagliare con cura i miei peli pubici con le forbici. "Lo sto facendo il più attentamente possibile!" Ogni tocco delle forbici con la mia figa lo faceva quasi venire.   

Incredibile, normalmente ho difficoltà a venire e quando mi masturbo devo davvero stimolare il mio clitoride, ora l'illusione da sola era abbastanza buona da farmi quasi venire. Lisa mise via le forbici e disse: “Adesso ti strofino con la crema da barba e devo toccarti la figa. Spero non ti dispiaccia? " Potrei semplicemente dire "No, per niente". Lisa ha notato che mi eccitavo, perché durante lo sfregamento le sue dita sparivano regolarmente tra le mie labbra, mi toccava spesso il clitoride e mi massaggiava anche l'ano. Adesso non riuscivo più a trattenere un sospiro di eccitazione. "Questo ti fa arrapare, vero?" Ha chiesto Lisa. Quando ho aperto gli occhi ho visto che nel frattempo si stava toccando. "Sì, questo mi rende terribilmente eccitato e bagnato fradicio". Lisa si è asciugata la crema da barba dalla figa con un asciugamano. "Quella rasatura verrà dopo". Mentre continuava a guardarmi, ha iniziato a massaggiare il mio clitoride molto delicatamente, diteggiandosi sempre più velocemente. Non avevo mai provato una sensazione simile in tutto il mio corpo. Mi sono leccato le dita e ho iniziato a toccarmi i capezzoli. Lisa ha smesso di masturbarsi e ha iniziato a massaggiarmi l'ano con l'altra mano. Pensavo davvero che a quel punto sarei svenuto. Non ho mai saputo che il mio ano sarebbe stato sensibile. “Avrai un buon orgasmo, Madelon? Sei davvero incredibilmente bagnato e teso ”. Senza aspettare la mia risposta ha portato la sua faccia alla mia figa e ha iniziato a leccarmi. "Oh Gesù, quanto è incredibilmente arrapata" è stato tutto quello che ho potuto dire. Mentre stavo toccando i miei seni io stesso , e ho iniziato a tirare i miei capezzoli sempre più forte, sono stato leccato, toccato con le dita e il suo dito era un po 'nel mio ano. Stavo per avere un orgasmo, grazie a un'insegnante che avrebbe potuto essere mia madre . "Andiamo tesoro, andiamo" disse Lisa, mentre sentivo l'umidità fuoriuscire davvero dalla mia figa. Pensavo quasi di dover fare pipì, era per quella sensazione.      

Ho iniziato ad avere crampi quando è arrivato il mio orgasmo. Non riuscivo a tenere le gambe ferme e il mio stomaco batteva in modo inimmaginabile. Con un forte sospiro, sono venuto in un modo che non avrei mai creduto possibile. "Che corpo meraviglioso hai Madelon, e perché sono contenta che Suzanne ti abbia lasciato". Con la punta della lingua ha dato un'altra leccata al mio clitoride, qualcosa che di nuovo mi ha dato una sensazione meravigliosa. Lisa si alzò e si fermò proprio di fronte a me. La sua figa era a meno di 12 pollici dalla mia testa. Ho visto che anche le sue cosce erano completamente bagnate e che le sue labbra erano spalancate. La mia sensazione di eccitazione non era ancora scomparsa. Volevo solo toccare il suo corpo, sentire e assaggiare anche la sua figa. La notte era tutt'altro che finita ...

© The Stringpoint Group

 

bron: sexverhalen.com

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00