Menu
Escort services
Worldwide overview adult workers
Red light district workers
Erotic models

THE STRINGPOINT GROUP

"Prima che me ne renda conto, giaccio completamente nuda a letto"

mercoledì

Mark è risultato negativo e così anche i suoi figli. Josie è malato a morte. Chiamo il GGD, ma non pensano che sia necessario per me essere testato, perché non ho lamentele. "La cosa stupida è che Josien nega ancora che la corona sia qualcosa di diverso dall'influenza e quindi si rifiuta di mantenere le distanze", afferma Mark. “Ora ho portato i bambini da mia madre. Posso stare con te per un po'?"

Questo è ovviamente molto poco saggio. Se Jamie scopre che Mark è con me, perderò il mio unico cliente e non avrò entrate. Ma non posso perdere l'occasione di vedere Mark per alcuni giorni di fila. Chiamo Jamie per dire che non possiamo vederci per un po' perché sono in quarantena. "Un'insegnante di asilo nido di Ella ha la corona", mento.

Jamie sospira. "Mi manchi," ringhia. "Voglio vederti così tanto che mi darei per ammalarmi." Riesco a sentire dalla sua voce che lo intende davvero e sono dispiaciuto di averlo tradito ora. Se solo potessi avere una relazione con due uomini. O davvero, dovrei semplicemente rompere con Mark, naturalmente. Lo farò anch'io. Ma prima, goditelo per qualche giorno.

giovedi

Ho portato Ella da Linda e ho appena fatto il caffè quando suona il campanello. Il mio cuore batte forte. Segnare! “Perché sei vestito? Speravo che mi avresti aspettato nudo", si acciglia. "Spogliati di nuovo." E prima che me ne renda conto, sono a letto completamente nuda. "Girati", ordina e quando sono sulle mani e sulle ginocchia, lo sento aprire la cerniera dei pantaloni. Con un movimento è dentro di me. Mi sento totalmente alla mercé di lui mentre mi prende duro.

Mark mi afferra i capelli con una mano e mi prende a pugni velocemente e con decisione. Mi sdraio a pancia in giù e non posso far altro che subirlo. Ma lo amo. L'altra sua mano mi accarezza il clitoride. In pochi minuti raggiungo il mio climax. Io urlo di piacere e poi urla anche Mark. Mi stendo su un fianco e lo prendo tra le mie braccia. Quanto amo quell'uomo.

venerdì

Quando Ella torna a casa, Mark cambia come una foglia sull'albero. Ci siamo divertiti molto fino ad ora, ma ora è finita. Chiaramente non è più abituato ai bambini piccoli, perché pensa che Ella richieda molte attenzioni. Le chiede persino quanti anni ha adesso. "Farà un anno la prossima settimana," dico irritata. “Ha il tuo stesso compleanno. Lo sai, vero? Se solo potessimo festeggiare insieme!”

Mark suggerisce di portare Ella da mia madre così possiamo goderci l'un l'altro indisturbati. Ma quando suono il campanello di mia madre, il suo viso bianco mi spaventa. "Sei malato? Hai un brutto aspetto", dico. Ammette di non sentirsi in forma. Sono sorpreso. Temo che Ella o io l'abbia infettata. Ella aveva il raffreddore, eppure mia madre si prendeva cura di lei. Non sono mai stato testato, ma non ho avuto problemi con esso. Che virus orribile è.

"Ti faremo esaminare", dico con fermezza. "Prendo un appuntamento con il GGD." Poi porto Ella di sopra e chiedo se posso prendere in prestito la macchina di Mark. Aveva immaginato il suo fine settimana con me in modo molto diverso, ma ora mia madre viene prima. Sembra molto scontroso quando dico che lascio Ella con lui, ma ora non è diverso.

il sabato

Il test di mia madre è positivo e sono arrabbiata con tutto e tutti. Arrabbiato con Hugo de Jonge perché mia madre di 68 anni non è ancora stata vaccinata. Arrabbiato con me stesso per aver preso così tanti rischi. Arrabbiato con Mark per essere un tale idiota. E perché non porta ancora una tazza in cucina, ma lascia le sue cose ovunque.

E mentre ho la sensazione che dopo un solo giorno in cui mi prendo cura di tutti sono sulle mie gengive, Mark ne ha avuto abbastanza. "Non vedevo l'ora di passare qualche giorno insieme", dice con rabbia. “Non avremo mai questa possibilità. Josien pensa che io stia in un hotel, ma nel frattempo sono seduto qui in un minuscolo appartamento con una donna che divide il suo tempo tra sua madre e il suo bambino. Non mi sento così."

Poi mi arrabbio anche io. “Scusa, non sono una bambola del sesso vivente. Mi dispiace non essere sempre lì per te quando è conveniente per te. Mi dispiace che anch'io ho una vita. Potresti anche aiutarmi invece di tormentarmi". Sussulto e guardo Mark in attesa.

Non dice altro. In pochi passi è in camera da letto, butta le sue cose nella borsa, va in bagno e fa lo stesso. Poi prende il cappotto e senza guardarmi si precipita giù per le scale. Pochi istanti dopo sento la sua macchina uscire dalla strada. Merda, se n'è andato. Ma dove diavolo? E posso ancora rimediare a questo?!

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00