Menu
Escort services
Worldwide overview adult workers
Red light district workers
Erotic models

THE STRINGPOINT GROUP

"Eravamo così intimi oscillando"

il sabato

"Cosa hai intenzione di fare ora?" Chiedo a Mark mentre guidiamo nella mia strada. "Vieni con me per un po'?" Ma so già cosa dirà. Che deve tornare a casa da sua moglie e dai suoi figli. E questo mentre siamo stati così intimi l'uno con l'altro oscillando con un'altra coppia. Ma ora posso reagire con un guaito o prendere in mano la situazione. "Bene", dico. "Allora chiamo Jamie."

"Non sei serio", dice Mark. “Dopo tutto quello che abbiamo passato oggi, ti tuffi tra le braccia di un altro uomo? Lo chiamo solo barare".

"Non io," dico gelida. "Ti tufferai tra le braccia di un'altra donna, vero? E sì, so che non fai sesso da molto tempo, ma devo ancora condividerti con lei. Quindi penso che dovrei essere in grado di fare quello che voglio. Inoltre, sono sempre qui per te, quindi se ti becco di nuovo a fare Second Love, non dovrò mai più vederti. E con quelle parole esco dall'auto il più dignitoso possibile.

Domenica

Sfortunatamente Jamie non ha potuto ieri, ma oggi ha avuto tutto il tempo. Ci incontriamo all'ingresso del Vondelpark. Il sole splende, ma è più fresco di quanto pensassi, quindi sto tremando nella mia giacca di pelle. È già in ritardo di dieci minuti e mi sento quasi offeso quando all'improvviso si ferma su una moto. Si toglie il casco. Indossa anche una giacca di pelle, jeans e una camicia bianca rigida. Nessun abbigliamento da motociclista. Molto irresponsabile e molto gustoso.

Quando mi trovo di fronte a lui, tira verso di me e mi bacia così violentemente che un passante ci dice di trovare una stanza. Improvvisamente mi rendo conto che Jamie è un noto olandese e che la stampa scandalistica è sempre in agguato. Le foto di me e lui insieme sono comunque una seccatura per Mark, quindi cerco di staccarmi.

"Perché non mi baci? Non ti vergogni di me, vero?" Jamie sembra piuttosto arrabbiato. Cerco di spiegargli che non credo sia professionale parlare molto in pubblico, ma sembra che non voglia ascoltare. Quando finalmente sono libero, fuggo nella PC Hooftstraat. Nella boutique più vicina, una commessa è annoiata in attesa dei clienti. Chiedo se posso entrare senza appuntamento e lei dice di sì.

Indugia intorno a me mentre frugo tra gli scaffali. I vestiti sono ridicolmente costosi, ma molto belli. Poi con la coda dell'occhio vedo entrare Jamie. Sta proprio dietro di me e il sudore mi sta colavando addosso. "Hai qualcosa di corto per noi?" Guarda la commessa che lo riconosce subito e inizia a sorridere da un orecchio all'altro. "Taglia 38 per favore."

La commessa gli porge un vestito color oro che si abbina perfettamente ai miei capelli scuri e alla mia pelle. Arriva a metà coscia e si adatta come un guanto, ma sono scioccato quando guardo il cartellino del prezzo. Quasi 400 euro! Non me lo posso mai permettere. Poi Jamie apre la tenda ed entra nel camerino. Emetto un grido mentre Jamie mi attira a sé. La sua eccitazione solida come una roccia è chiaramente palpabile.

"Che bel vestito," geme. "Continua così. Te lo comprerò". Non oso quasi dire niente alla commessa che si accontenta con le guance arrossate. Non ci guardiamo. Jamie mi invita a sedermi sul retro della moto, ma mi sento troppo vulnerabile per questo. Ho troppa paura di cadere, quindi dico che la mia bici è ancora al Vondelpark.

Quando vado a casa in bicicletta, Jamie mi sta già aspettando. Mi segue su per le scale. All'improvviso mi pento di aver preso il vestito. Crea aspettative che non so se posso essere all'altezza. Mentre si china in soggiorno per baciarmi di nuovo, io inizio di nuovo a sudare. "Mi dispiace", dico. “Penso che faremmo meglio a riportare il vestito al negozio. Non credo sia conveniente per te comprarmi dei regali."

Jamie sembra sorpreso. "Dobbiamo tenere separati gli affari e la vita privata", dico. “Se mi compri vestiti sexy, beh, allora mi sento, poi mi sento…”, vorrei proprio dire puttana, ma non oso. Il mio messaggio è chiaro e vedo anche da lui che non gli piace affatto.

"Ti pago per fare quello che voglio", dice. “Ma è l'intenzione che ci godiamo entrambi. Sei il mio manager, ovviamente, ma voglio anche fare sesso con te. In effetti, voglio fare sesso con te ogni giorno. E oltre a questo, voglio conoscerti e vedere se c'è altro tra noi. Sono pazzo di te, Laura. E no, non voglio che tu sia la mia puttana. Voglio che tu sia la mia ragazza."

Il mio cuore batte come un matto. Davanti a me c'è un bell'uomo che mi vuole. A cinque chilometri di distanza vive l'uomo che voglio, ma che non mi vuole. Almeno non io solo. Se rifiuto Jamie ora, c'è la possibilità che cercherà un altro manager. Allora non ho più entrate. Ma non posso stare con lui solo per i soldi, vero? Oppure... posso semplicemente farlo?

© The Stringpoint Group

 

bron: de Telegraaf

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti

Crea un account

Creando un account con il nostro negozio, sarai in grado di muoverti attraverso il processo di pagamento più velocemente, memorizzare indirizzi multipli, visualizzare e rintracciare i tuoi ordini nel tuo account e molto di più.

Registrati

Recently added

Non ci sono articoli nel tuo carrello

Totale tasse incl.:€0,00